Microsoft potrebbe essere pronta all’ennesimo acquisto da miliardi di Dollari: TikTok potrebbe essere di proprietà dell’azienda, se non fosse per Trump.

14 AGOSTO 2020 | La vicenda volge all’epilogo. Nelle scorse ore TikTok ha formalmente rifiutato l’acquisizione da parte di Microsoft. Di seguito la dichiarazione di Microsoft in merito.

ByteDance ci ha fatto sapere oggi che non avrebbero venduto le operazioni statunitensi di TikTok a Microsoft. Siamo fiduciosi che la nostra proposta sarebbe stata buona per gli utenti di TikTok, proteggendo gli interessi della sicurezza nazionale. Per fare ciò, avremmo apportato modifiche significative per garantire che il servizio soddisfacesse i più elevati standard di sicurezza, privacy, sicurezza online e lotta alla disinformazione, e abbiamo chiarito questi principi nella nostra dichiarazione di agosto. Non vediamo l’ora di vedere come si evolverà il servizio in queste importanti aree.

31 AGOSTO 2020 | CNBC riporta che TikTok ha finalmente scelto il suo acquirente per le divisioni americana, australiana e neozelandese del social network. La conferma e l’annuncio potrebbero arrivare nel corso della giornata di domani, con Microsoft – in collaborazione con Walmart – in pole position, seguita da Oracle. L’acquisizione, tuttavia, potrebbe essere rallentata dal governo cinese, da cui TikTok dovrebbe ottenere una licenza d’uso per alcune tecnologie se dovesse essere acquistata da un’azienda americana.

27 AGOSTO 2020 | Stando a un nuovo report, CNBC indicherebbe che l’acquisizione di alcune operazioni di TikTok da parte di Microsoft potrebbe avvenire entro 48 ore per una cifra di 20 e 30 miliardi di Dollari.
Inoltre, secondo un’altra indiscrezione trapelata, Microsoft potrebbe contare sull’aiuto di Walmart in una partnership per finalizzare l’ingente acquisizione.

17 AGOSTO 2020 | Continuano le indiscrezioni relative alle trattative di acquisto di TikTok da parte di Microsoft. Un nuovo rumor proveniente da Bloomberg indica che Microsoft sarebbe interessata all’acquisto della divisione inglese, basata nel Regno Unito, della famosa app. Questa voce vorrebbe, quindi, che Microsoft abbia fatto un passo indietro sulla volontà di acquistare TikTok a livello globale – ma soltanto alcune sue divisioni: si parla di Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda e la neo-aggiunta Regno Unito.

15 AGOSTO 2020 | Il governo degli Stati Uniti d’America interviene ancora sul caso TikTok e la sua possibile vendita a un’azienda americana. Con un nuovo ordine esecutivo, Donald Trump ha esteso le tempistiche fornite a ByteDance – l’attuale proprietaria di TikTok – per la vendita a 90 giorni, invece che i precedenti 45. Questo significa che Microsoft o altre aziende potranno portare avanti le discussioni per l’acquisto del popolare social network fino al 12 novembre 2020.

11 AGOSTO 2020 | Dopo l’emergere delle complicazioni dovute al controllo da parte del governo americano, un nuovo report di Fox Business parla di un possibile interesse affievolito nell’acquisizione di TikTok da parte di Microsoft. Al momento non è chiaro se Microsoft concluderà la transazione o abbandonerà l’idea. Una società di investimento con un patrimonio di 600 miliardi ha proposto a Microsoft un aiuto nell’acquisizione, ma sembrerebbe che anche quest’ultima si sia tirata indietro.

Nonostante le intenzioni dichiarate di Microsoft, il suo acquisto di TikTok non è garantito, dicono a FOX Business persone a conoscenza della questione. Queste persone affermano che il gigante della tecnologia potrebbe alla fine abbandonare quella che è stata una transazione difficile, che dovrà affrontare un massiccio controllo da parte del governo degli Stati Uniti e comportare un investimento significativo oltre al prezzo di acquisto.

10 AGOSTO 2020 | Oltre a quelle imposte da Trump, Microsoft deve affrontare anche difficoltà tecniche per mandare in porto l’acquisizione di TikTok. L’app condivide il codice e dati con un’altra app di ByteDance, per tanto sarà necessario un lavoro di separazione che potrebbe impiegare anche un anno, secondo quanto riporta Reuters.

I negoziati di Microsoft per l’acquisizione delle operazioni di TikTok negli Stati Uniti, in Canada, in Nuova Zelanda e in Australia complicano una separazione. Non solo TikTok dovrebbe essere separato da ByteDance, ma dovrebbe essere separato dalle altre regioni di TikTok. Ciò si aggiunge alle sfide tecniche a causa della quantità di dati coinvolti.

7 AGOSTO 2020 | Continua a far parlare di sé la vicenda TikTok. Secondo il New York Times, nelle scorse ore Trump ha firmato un ordine esecutivo per bannare l’app dal suolo americano insieme a WeChat perché, a suo dire, entrambe minacciano la sicurezza nazionale. Microsoft ha ora 45 giorni di tempo per acquisire la società ByteDance, dopodiché ogni tipo di transazione verrà respinta.

6 AGOSTO 2020 | Il Financial Times riporta che Microsoft sarebbe intenzionata ad acquistare l’intero business globale di TikTok. In precedenza, l’azienda capitanata da Satya Nadella avrebbe acquistato soltanto le divisioni americana, canadese, australiana e neozelandese di TikTok, mentre con gli ultimi rumor sembra che l’accordo si estenda anche ai mercati europei e all’India; resterebbe fuori dall’accordo la divisione cinese di TikTok, che rimarrà a ByteDance.

4 AGOSTO 2020 | Stando a nuovi report, il Presidente degli Stati Uniti ha rivisto la sua opinione mostrandosi ora favorevole all’acquisizione di TikTok da parte di Microsoft dopo una conversazione con Nadella. Quest’ultima ha tempo fino a metà settembre per finalizzare un accordo ed evitare il ban dell’app sul suolo americano.

Abbiamo avuto una bella conversazione, mi ha chiamato, per vedere se, o no, come mi sentivo al riguardo. E ho detto, guarda, non può essere controllato, per motivi di sicurezza, dalla Cina. Troppo grande, troppo invasivo. E non può essere. Ed ecco l’affare. Non mi importa se, sia che si tratti di Microsoft o di qualcun altro – una grande azienda, una compagnia sicura, una società molto americana – lo compri. Abbiamo fissato una data, ho fissato una data, intorno al 15 settembre, a quel punto sarà fuori servizio negli Stati Uniti. Ma se qualcuno, che sia Microsoft o qualcun altro, lo compra, sarebbe interessante.

3 AGOSTO 2020 | Tramite un comunicato stampa, Microsoft ha confermato la volontà di acquistare TikTok nonostante la contrarietà del presidente Trump, affermando di voler continuare la trattativa.

A seguito di una conversazione tra il CEO di Microsoft Satya Nadella e il presidente Donald J. Trump, Microsoft è pronta a continuare le discussioni per esplorare un acquisto di TikTok negli Stati Uniti.

Microsoft apprezza pienamente l’importanza di affrontare le preoccupazioni del Presidente. Si impegna ad acquisire TikTok soggetto a una completa revisione della sicurezza e a fornire benefici economici adeguati agli Stati Uniti, compreso il Tesoro degli Stati Uniti.

Le discussioni con ByteDance si baseranno su una notifica fatta da Microsoft e ByteDance al Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (CFIUS). Le due società hanno comunicato l’intenzione di esplorare una proposta preliminare che implicherebbe un acquisto del servizio TikTok negli Stati Uniti, in Canada, Australia e Nuova Zelanda e comporterebbe la proprietà e il funzionamento di TikTok da parte di Microsoft in questi mercati. Microsoft può invitare altri investitori americani a partecipare in minoranza a questo acquisto.

Microsoft/TikTok, Trump si oppone

Nelle ultime ore sono circolate diverse voci che vogliono Microsoft particolarmente interessata all’acquisto di Bytedance l’azienda dietro la popolarissima applicazione TikTok. TikTok è un social network cinese, particolarmente apprezzato e utilizzato dal pubblico più giovane, su cui è possibile creare brevi clip musicali da condividere con milioni di persone. A seguito di un rapporto pubblicato da Anonymous a inizio luglio – che riportava la pericolosità dell’app, definita un malware controllato dal governo cinese – l’amministrazione americana, nella figura di Donald Trump, ha annunciato di voler bannare l’applicazione dagli Stati Uniti. Nelle ultime ore, però, Microsoft si è interessata all’acquisto della divisione americana di Bytedance, con la promessa di aggiungere fino a 10000 posti di lavoro negli USA nel corso dei prossimi tre anni. Sebbene l’idea di vendere il social network a una società americana sembrasse andare a genio all’amministrazione di Trump inizialmente, lo stesso Donald Trump ha poi deciso che sarebbe meglio un ban completo, piuttosto che una vendita.

Un portavoce ufficiale della Casa Bianca ha affermato:

L’amministrazione nutre gravi preoccupazioni per la sicurezza nazionale riguardo a TikTok. Continuiamo a valutare la politica futura.

Le discussioni riguardo questo accordo tra Microsoft e l’azienda dietro TikTok non sarebbero, tuttavia, completamente morte: alcuni dirigenti interessati sperano che Trump cambi idea se la proposta di vendita verrà riformulata in maniera tale da permettere al governo americano di non nutrire più preoccupazioni riguardo la sicurezza nazionale. TikTok può al momento contare su oltre 100 milioni di utenti nei soli Stati Uniti e circa 1500 dipendenti allo stato attuale. Nel frattempo, il General Manager della divisione statunitense di TikTok ha dichiarato:

Voglio ringraziare i milioni di americani che usano TikTok ogni giorno, non abbiamo intenzione di andare da nessuna parte.

Come pensate si evolverà questo deal tra Microsoft, Bytedance e il governo americano? Ritenete Microsoft un giusto acquirente per un’applicazione come TikTok? Diteci la vostra opinione a riguardo nei commenti.

Articolo di Windows Blog Italia
Fonte | WSJ, Engadget