Un contratto stipulato tra Microsoft e l’esercito americano permetterà a quest’ultimo l’acquisizione di oltre 100000 HoloLens per i propri soldati.

7 SETTEMBRE 2022 | Stando a un nuovo report, dopo i primi test un po’ deludenti e un possibile rifiuto, l’esercito americano ha reso noto che ha finalmente approvato i nuovi visori da combattimento basati su HoloLens 2, denominati IVAS, che permetteranno ai soldati di avere informazioni nel display della visiera e visione notturna.

17 MARZO 2022 | A un anno dal nuovo contratto vinto per la fornitura di HoloLens, secondo un nuovo report il visore Integrated Visual Augmentation Systems (IVAS) progettato per l’esercito americano, conosciuto anche come “Project Delaware”, non solo sarebbe in ritardo, ma potrebbe non essere all’altezza delle aspettative in termini di affidabilità e qualità, tanto che Microsoft si aspetta un feedback negativo dai test e un possibile annullamento dell’accordo di ben 22 miliardi.

1 APRILE 2021 | Dopo il primo accordo siglato nel 2018 per un visore prototipo, Microsoft ha annunciato di aver firmato un nuovo contratto da 22 miliardi con l’esercito americano, per il quale si impegna a fornire 120000 HoloLens 2. Il nuovo super contratto con il governo americano arriva dopo aver vinto quello da 10 miliardi per fornire l’infrastruttura cloud al Pentagono.

L’esercito americano userà HoloLens

L’obiettivo alla base del contratto è fornire quanta più assistenza tecnologica ai soldati, come spiegato anche da un delegato Microsoft.

La realtà aumentata provvederà a fornire consigli ottimali alle truppe, con una visuale completa delle informazioni per poter prendere decisioni. Questa partnership estende il nostro rapporto longevo con il Dipartimento della Difesa americano. La tecnologia HoloLens sarà usata per aumentare le capacità dei soldati incrementando l’abilità di trovare, decidere e ingaggiare prima del nemico.

Gli HoloLens forniti all’esercito americano sono un po’ diversi da quelli standard: in occasione del contratto, infatti, sono stati implementati visione notturna, sensori termici e la possibilità di monitorare i segnali vitali di chi indossa il visore.

Si tratta di un interessante risvolto per la realtà aumentata – forse un po’ troppo Black Mirror? – che finora abbiamo visto essere utilizzata per scopi ludici, medici o ingegneristici. Cosa ne pensate? HoloLens potrà davvero incrementare le abilità dell’esercito americano? Fateci sapere la vostra opinione lasciando un commento.

Articolo di Windows Blog Italia
Fonte | Bloomberg