Screenshot

Con Windows 10 è possibile catturare le schermate di programmi, applicazioni e giochi in ben cinque modi diversi: vediamoli insieme qui di seguito.

  1. Screenshot + salvataggio dell’immagine negli appunti
    Basta premere il tasto Stamp (oppure PrtScn – dipende dalla tastiera). È il metodo usato da sempre per catturare gli screenshoot. Potrete incollare l’immagine in Paint, Office o simili e poi salvarla.
  2. Screenshot + salvataggio automatico dell’immagine
    Premere contemporaneamente i tasti Stamp (oppure PrtScn) e il tasto Windows. È stato introdotto in Windows 8. Eseguendo lo screen, lo schermo lampeggia per un attimo, come nell’immagine di sopra. Viene salvata nella cartella Screenshot presente in Immagini.
  3. Screenshot dell’elemento in primo piano + salvataggio dell’immagine negli appunti
    Basta premere contemporaneamente i tasti Stamp (oppure PrtScn) e il tasto Alt. Questo metodo permette di catturare uno screen dell’app in primo piano. Potrete incollare l’immagine in Paint, Office o simili e poi salvarla.
  4. Screenshot con lo Strumento di cattura
    Per avviare lo Strumento di cattura basta digitare il nome all’interno del box di ricerca di Cortana. Lo strumento è nato con Windows 7 ed è stato migliorato solamente in Windows 10. È possibile scegliere cosa catturare: un formato libero, un rettangolo, una finestra o l’intero schermo.  È anche possibile selezionare il ritardo prima di catturare lo screenshot.
  5. Screenshot con i tasti fisici (solo tablet)
    Surface e gli altri tablet PC con a bordo Windows 10 possono catturare schermate semplicemente utilizzando una combinazione di tasti fisici: tenere premuto il pulsante Start e successivamente quello per abbassare il volume (Vol -).

Eravate a conoscenza di tutti questi modi per catturare gli screenshot? Quale preferite? Diteci la vostra nei commenti.

Articolo di Windows Blog Italia