Siamo certi che in tantissimi avrete provato a fotografare le stelle cadenti o una splendida Luna piena, come quella di queste sere, ottenendo risultati a dir poco deludenti. La foto che vedete a inizio articolo è stata scattata con un Nokia Lumia 1020 posto dietro un cannocchiale con zoom da 10x: incredibile, vero? Il segreto è usare le impostazioni manuali – continuate la lettura e scoprirete come ottenere risultati simili anche col vostro smartphone.

Fotografare la Luna piena

Iniziamo dalle cose semplici. La foto di apetura, come abbiamo già spiegato, è stata scattata grazie all’ausilio di un cannocchiale in grado di ingrandire di ben 10 volte. Senza, con un Lumia 1020 impostato per scattare alla massima risoluzione in formato DNG, otterrete qualcosa di simile:

… che comunque è impressionante se si considera che è stata scattata da uno smartphone. Ma passiamo al sodo: scattando in automatico, nella migliore delle ipotesi, riuscirete a catturare un disco totalmente bianco, dove crateri e montagne lunari sono assolutamente impercettibili, oppure il vostro smartphone non riuscirà neanche a mettere a fuoco. Dunque bisogna sfruttare il vero asso nella manica dei Lumia: la possibilità di impostare manualmente i settaggi della fotocamera. Non sono necessari i 41 MP del Lumia 1020, riuscirete a ottenere risultati decenti con qualsisi PureView, inclusi i Lumia 920 e 925.

La prima regola è quella di bloccare lo smartphone in modo che punti la fotocamera verso Luna (scordatevi di fotografarla a mano libera): i fortunati possessori di Lumia 1020 possono avvalersi del Camera Grip e di un treppiedi tascabile.

Una volta messo in posizione, potrete avviare Nokia Camera (qui trovate una guida generica all’uso di questa potentissima app fotografica). Dovrete impostare i vari parametri come nello screenshot qui sotto: messa a fuoco manuale o all’infinito (sul 1020 abbiamo notato che impostandola all’infinito sfocava la Luna, quindi l’abbiamo messa su un po’ meno di infinito – dovete fare qualche prova), 100 ISO per ridurre al minimo il rumore, tempo di scatto tra 1/500 e 1/640 in modo da contrastare l’intensa luminosità della Luna e permetterne la vista dei crateri e delle varie sfumature.

Fate tante prove, perché le condizioni in cui l’abbiamo fotografata noi possono variare di volta in volta, ma avete comunque una base da cui partire; e non dimenticate che la Luna si muove, e anche velocemente, quindi dovrete adattare più volte l’inquadratura.

Infine, se il vostro Lumia scatta anche in formato DNG, potrete modificare il file in Camera Raw e Photoshop, per recuperare più dettagli possibili dal file “grezzo”. Nell’immagine sottostante riproponiamo la foto di inizio articolo nella versione vergine e in quella eleborata con i due software precedentemente menzionati.

Fotografare le stelle cadenti

Fotografare le stelle cadenti è decisamente più difficile dato che, a differenza della Luna che attraversa lentamente la volta celeste, una stella cadente si consuma in un attimo, troppo poco per i nostri riflessi e per la velocità della fotocamera del nostro Windows Phone. Il trucco è quello di realizzare un video time-lapse, sperando di essere fortunati e di riuscire a catturare una stella cadente in un fotogramma: si usa un’apposita app e la si imposta per scattare una fotografia ogni secondo lasciando aperto l’otturatore per 4 secondi. Dovrete quindi lasciare lo smartphone puntato verso il cielo per qualche ora, con la batteria ben carica; alla fine dovrete analizzare ogni singola foto in cerca delle scie delle lacrime di San Lorenzo: se sarete fortunati ne troverete qualcuna, altrimenti potrete comunque realizzare uno splendido time-lapse come quello che abbiamo realizzato con un Lumia 925 (in cui si vedono anche due stelle cadenti):

Per maggiori informazioni su come impostare l’applicazione per i time-lapse, potete consultare questa nostra guida. Per tante altre guide, recensioni e notizie, non dimenticate di scaricare l’app per Windows Phone e quella per Windows 8, e di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube e sul Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornati su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Articolo di Windows Blog Italia