Nelle scorse ore Microsoft ha pubblicato per errore in Feedback Hub un articolo che preannuncia l’arrivo della funzione InPrivate Desktop con Redstone 5.

AGGIORNAMENTO | Originariamente denominata InPrivate Desktop, poi annunciata come Virtual Desktop e introdotta con le build Insider di Redstone 5 ad agosto, la funzione per creare dei Desktop virtuali per provare app e programmi in ambiente sicuro è stata rinominata Windows Sandbox ed è in arrivo ufficialmente con il prossimo aggiornamento 19H1 su Windows 10 Pro ed Enterprise a partire dalla build 18305. Trovate maggiori dettagli a questo indirizzo.

InPrivate Desktop

La nuova funzione permette di eseguire un ambiente virtualizzato per provare qualsiasi tipo di software in tutta sicurezza. Attualmente è inclusa in Windows 10 Enterprise; speriamo di vederla implementata nelle altre edizioni di Windows 10 prossimamente.

InPrivate Desktop (Anteprima) offre agli amministratori un modo per avviare una sandbox usa e getta per eseguire in sicurezza e una volta il software non attendibile. Questa è fondamentalmente una macchina virtuale pronta per l’uso che viene riciclata quando chiudi l’app!

Per poter utilizzare l’app è necessario rispettare i seguenti requisiti:

  • Sistema operativo –Windows 10 Enterprise
  • Build – 17718 o versione successiva
  • RAM – 4 GB+
  • Disco – 5 GB liberi
  • CPU – Dual core
  • Altro – Hyper-V attivo

Gli amministratori possono quindi utilizzare questa funzione per testare dei programmi non attendibili prima di installarli sulle macchine in produzione. Cosa ne pensate di InPrivate Desktop? Potrebbe tornarvi utile? Fatecelo sapere nei commenti.

Articolo di Windows Blog Italia
Fonte | GHacks