Microsoft mette in pausa il rilascio degli aggiornamenti mensili facoltativi di Windows: la causa è sempre da attribuire alla attuale situazione d’emergenza.

14 APRILE 2020 | Microsoft ha annunciato che la versione 1809 di Windows 10 continuerà a essere supportata fino al 10 novembre 2020 – invece di interromperne il supporto il 12 maggio, come inizialmente previsto. Questo significa anche che per le versioni Home e Pro che eseguono Windows 10 versione 1809 la forzatura nell’aggiornamento all’ultima versione disponibile verrà rallentata, per garantire un’esperienza di aggiornamento ancora più adeguata.

In pausa gli update facoltativi di Windows

Dopo aver messo in pausa gli aggiornamenti per Edge, Microsoft ha deciso di fermare il rilascio degli aggiornamenti di Windows facoltativi. In particolare, gli update che Microsoft ha intenzione di non rilasciare più, almeno per il momento, sono gli aggiornamenti non relativi alla sicurezza, chiamati C e D – come quello rilasciato poche ore fa per Windows 10. Questa scelta andrà a impattare tutte le versioni supportate di Windows, anche le versioni di Windows Server, fino alla versione 2008 SP2.
Gli aggiornamenti cumulativi del Patch Tuesday, ovvero quelli rilasciati il secondo martedì del mese, invece, continueranno a essere rilasciati da Microsoft per mantenere i PC sempre sicuri e aggiornati.

Abbiamo valutato l’attuale situazione sanitaria pubblica e capiamo che questa stia avendo un impatto sui nostri clienti. In risposta a queste sfide stiamo dando la priorità agli aggiornamenti di sicurezza.

Questo cambiamento nel rilascio degli aggiornamenti facoltativi di Windows avrà effetto a partire da maggio 2020.

Articolo di Windows Blog Italia
Fonte | Microsoft