Dopo il grande successo della stampante 3D Alfawise U30, che abbiamo video recensito qualche mese fa, GearBest ha lanciato la versione Pro con importanti miglioramenti al display, all’elettronica e al firmware. L’abbiamo testata per voi e vi anticipiamo che è diventata la nostra nuova stampante 3D preferita sotto i 200 €. In questa recensione andremo principalmente a parlare dei miglioramenti rispetto all’Alfawise U30 di prima generazione, quindi sarebbe opportuno guardare al volo prima quell’altra video review, se non la conosceste già.

IMPORTANTE | Abbiamo pubblicato la guida all’acquisto delle migliori stampanti 3D dell’anno, dove abbiamo raccolto, oltre che tutte le nostre recensioni, anche le nostre esperienze più aggiornate, così da aiutarvi nella scelta della vostra prima o nuova stampante 3D. Nell’articolo troverete anche sconti, vari tutorial e link ai tanti upgrade e accessori indispensabili per ogni stampante 3D.

Le migliori stampanti 3D del 2019: sconti, video, recensioni e tutorial

Recensione Alfawise U30 Pro

In vendita dalla primavera 2019, l’Alfawise U30 Pro rientra nella categoria delle stampanti 3D in kit in stile Prusa, ha un volume di stampa nella media ed è costruita con materiali di ottima qualità. Include le più recenti tecnologie, tranne il sensore di auto-livellamento, ed è progettata per essere facilmente riparabile con ricambi universali acquistabili per poco prezzo online. Prima di entrare nel vivo della recensione, ecco qualche specifica tecnica:

  • Volume di stampa – 22,5 x 22,5 x 25 cm
  • Letto riscaldato – Più di 100° C
  • Ugello – Da 0,4 mm, temperatura max 250° C
  • Materiali – PLA, ABS, PET, PETG, ASA, flessibili, ecc.
  • Display touch a colori – 4,3″
  • Riavvio della stampa se manca la corrente
  • Riavvio della stampa se finisce il filamento
  • Elettronica integrata

Perché costa così poco?

Alfawise è un brand di proprietà di GearBest, il grande negozio online cinese. Alfawise produce una vasta serie di prodotti tecnologici, incluse le stampanti 3D, che – come avrete notato – non sono acquistabili presso altri e-commerce (a differenza di Creality, TEVO e altri brand). Ne consegue che GearBest, producendo e vendendo direttamente i suoi prodotti, riesce a offrirli a prezzi molto democratici.

Assemblata al 50%, ottima per imparare

L’Alfawise U30 Pro è assemblata al 50 %. Troviamo questa decisione dell’azienda vincente per tre motivi:

  1. Gli utenti nuovi del mondo della stampa 3D hanno modo di imparare meglio il funzionamento delle varie componenti partecipando in prima persona al montaggio della stampante.
  2. Gli utenti esperti possono avere il massimo controllo sull’assemblaggio delle parti chiave della stampante 3D che, quando preassemblate in fabbrica, a volte sono montate male. Possono inoltre approfittarne per montare fin da subito degli upgrade (come nel nostro caso).
  3. Si riducono i costi di spedizione e relativi alla catena di montaggio.

A questo indirizzo potete guardare il video unboxing dell’Alfawise U30, quasi identica alla U30 Pro. Non abbiamo registrato un video tutorial del montaggio della Pro per questioni di tempo, ma le istruzioni cartacee fornite sono chiarissime.

I punti di forza dell’Alfawise U30 Pro

Sono molte le soluzioni progettuali che ci fanno apprezzare così tanto questa stampante 3D, ma ne vogliamo menzionare qualcuna in particolare:

  • Novità | Display da 4,3” – Visivamente è senza dubbio la novità che più si fa notare sulla U30 Pro: il nuovo enorme display touch è piacevolissimo da navigare, essendo preciso e reattivo proprio come lo schermo di uno smartphone; l’interfaccia utente è curata e intuitiva. Dobbiamo però ammettere che non sono accessibili i menu di configurazione avanzata delle impostazioni degli step/mm o delle accelerazioni, ad esempio – confidiamo in un futuro aggiornamento firmware che abiliti tutte queste opzioni, proprio come accaduto sulla U30 originale.
  • Novità | Firmware open-source – Nonostante il firmware proprietario sviluppato da Alfawise e installato sulla U30 fosse molto maturo e ricco di funzioni, GearBest ha deciso di passare a Marlin, un firmware open-source. Come abbiamo detto, non tutte le impostazioni sono accessibili dal display, ma sappiamo che è un sistema aperto e ricco di funzionalità che saranno sicuramente sbloccate dalla community o dalla stessa Alfawise.
  • Novità | Motori silenziosi – La nuova scheda di controllo usa i driver dei motori TMC2208, che garantiscono dei movimenti silenziosissimi; la differenza di rumore tra la U30 Pro rispetto alla U30 originale è incredibile – ora il componente più rumoroso è la ventola di raffreddamento della scheda di controllo!
  • Novità | Addio salmon skin” – Gli stessi driver dei motori TMC2208, essendo di qualità superiore, inviano comandi di movimento più “morbidi”. In altre parole, mentre la U30 originale è afflitta dal difetto che causa una texture a pelle di salmone sulla superfice delle stampe, la U30 Pro ne è immune e non richiede l’installazione dei famosi TL-smoother.
  • Novità | Manopole di regolazione del piatto di stampa – Se prima bisognava stampare delle manopole di regolazione per il letto di stampa, ora sono montate di serie e molto funzionali.
  • Il letto di stampa riscaldabile è equipaggiato con un bel vetro smussato e con su un lato una superficie in stile Buildtek. L’adesione delle stampe a questo materiale è incredibile. Se invece preferiste stampare su vetro + lacca (con temperatura intorno ai 60° C), non dovrete far altro che rimuovere le clip, rovesciarlo e spruzzarlo.
  • C’è la possibilità di riavviare la stampa se manca la corrente o se finisce il filamento.
  • La ventola di raffreddamento del materiale estruso è potentissima e va tutta a vantaggio della qualità di stampa.
  • Il fatto che sia di dimensioni medio-piccole porta due vantaggi principali: il tubo Bowden è molto corto e la ritrazione ne risente in modo positivo; poi il letto di stampa è piccolo e leggero, e gli assi del telaio sono relativamente corti, caratteristiche che riducono notevolmente le deformazioni durante i movimenti. Questi due aspetti consentono di stampare ad alte velocità senza sacrificare la qualità e senza i difetti di ghosting.

Fix e upgrade

Sebbene così come venduta sia già in grado di eseguire stampe 3D perfette, è possibile migliorare l’Alfawise U30 Pro ancora di più con dei piccoli upgrade facoltativi che elenchiamo qui di seguito:

  • La schiuma e il cotone isolanti sono consigliati sia al di sotto del letto di stampa che intorno al blocchetto riscaldato dell’estrusore, in quanto non solo consentono di tenere più stabili le temperature, ma anche di raggiungerne di più alte e consumare meno corrente, affaticando meno la scheda di controllo. Qui potete acquistare quello per il letto e qui quello per l’estrusore.
  • La guida per il filamento che abbiamo progettato è fondamentale per non farlo sporcare di grasso urtando la vite dell’asse Z, andando a rovinare le stampe.
  • La manopola per estrudere manualmente il filamento è sicuramente tra gli upgrade che più agevolano l’esperienza di caricamento e sostituzione del filamento. Si applica direttamente sull’asse dell’estrusore, a pressione, dopo aver leggermente abbassato la ruota dentata in ottone.

La lista degli upgrade termina così, davvero ridottissima rispetto alle prime stampanti che abbiamo recensito in questi anni.

Qualità di stampa Alfawise U30 Pro

Oltre a un paio di upgrade, abbiamo stampato 3D anche alcuni modelli con caratteristiche varie per testare a dovere le capacità dell’Alfawise U30 Pro. Come slicer abbiamo usato Simplify3D 4.1.2 e come materiale abbiamo usato PLA di varie marche.

  • 3D Benchy – La classica barchetta di test è stata stampata in modo impeccabile. A essere sinceri, siamo sicuri che sia possibile ottenere persino di meglio aumentando l’estensione di collegamento del riempimento al perimetro (per evitare i buchetti) e riducendo il flusso di estrusione, per ottenere uno scafo ancora più lisco.
  • Busto di donna – Stampato usando un filamento vecchio di un anno, con layer da 0,08 mm, possiamo confermare che non presenta alcun tipo di difetto, così come non è percepibile l’effetto salmon skin.
  • Topografia del Golfo di Napoli – Tralasciando una inevitabile deformazione del pezzo dovuta al fatto che per velocizzare la stampa non abbiamo usato riempimento, e solo un perimetro a 0,2 mm di layer, siamo rimasti sbalorditi dalla qualità con cui ha stampato l’Alfawise U30 Pro.
  • Test di qualità – Stampato due volte con filamenti diversi e superato brillantemente. Siamo rimasti sorpresi da come questa nuova stampante sia riuscita a stampare uno sbalzo di ben 80° di inclinazione.
  • Infinity Cube – Purtroppo si è spezzato in fase di rimozione dal letto di stampa, ma anche questo modello è stato prodotto egregiamente, considerando che è stata una delle prime stampe e ancora non avevamo preso confidenza con le impostazioni.
  • Vasi – Non stampati in modalità spirale, ma con riempimento solido, questi due vasi dalle geometrie difficili sono stati completati con successo, senza gocciolamenti, senza stringing e senza alcun tipo di difetto.

Conclusioni

Che sia la vostra prima stampante 3D, la sostituta di un’Anet A8 o di qualche altro catorcio che ha ormai fatto il suo tempo, la stampante 3D Alfawise U30 Pro, per un prezzo di circa 200 €, non avrà rivali per i mesi a venire. La qualità di stampa è superba, richiede pochissimi upgrade, può stampare praticamente tutti i materiali, ha quasi tutte le più recenti funzioni: veramente manca solo il sensore di auto-livellamento, il cui supporto è previsto nel firmware Marlin.

Ma quale scegliere tra l’Alfawise U30 originale e l’Alfawise U30 Pro? Potrete raggiungere la stessa identica qualità di stampa sulle due stampanti: sicuramente la U30 originale richiede qualche upgrade in più, in particolare i TL-smoother. Oltre che per questo motivo, consigliamo di acquistare la U30 Pro principalmente per il comodo display e per la piacevole silenziosità dei motori.

Avete domande? Pensate di acquistare una U30 Pro a breve? Fatecelo sapere qui sotto, nello spazio dedicato ai commenti.

Articolo di Windows Blog Italia

Acquista | Alfawise U30 Pro