Microsoft ha pubblicato la lista dei requisiti hardware necessari per eseguire Windows 11, oltre alla lista di funzionalità rimosse dal nuovo sistema operativo.

28 AGOSTO 2021 | Dopo l’aggiornamento dei requisiti minimi delle scorse ore, tramite un portavoce, Microsoft ha precisato che sebbene abbia consentito l’installazione di Windows 11 sui PC non supportati ufficialmente tramite installazione manuale, sembrerebbe che quest’ultima comporti l’impossibilità di ricevere ulteriori aggiornamenti, compresi quelli di sicurezza. Al momento non è chiaro se questa eventualità riguardi solo la versione pubblica, in quanto le ISO di Windows Insider Preview attualmente si aggiornano normalmente anche senza essere registrati in una canale di anteprima.

27 AGOSTO 2021 | A due mesi di distanza, Microsoft torna sull’argomento dei requisiti cercando di fare chiarezza e fornire ulteriori dettagli sulle CPU compatibili con una lista che trovate a questo indirizzo. Per l’occasione ha anche rilasciato una nuova versione dell’app Controllo integrità del PC più chiara ed esaustiva.

Abbiamo concluso che i processori compatibili a 64-Bit selezionati, 4 GB di memoria, 64 GB di spazio di archiviazione, Secure Boot UEFI, requisiti grafici e TPM 2.0 sono i giusti requisiti minimi di sistema per rispettare i principi che abbiamo stabilito per supportarti al meglio.

Abbiamo identificato una serie di modelli di PC che soddisfano i principi durante l’esecuzione su processori Intel di settima generazione, che originariamente non includevamo nei nostri requisiti minimi di sistema. Sulla base di questi risultati, abbiamo ampliato l’elenco dei processori a 64-Bit compatibili.

NOTA | Microsoft ha precisato che le build Insider Preview di Windows 11 e l’installazione manuale delle ISO non tengono conto delle limitazioni della CPU. Per tanto anche senza un processore supportato nella lista sarà possibile installare Windows 11, gli unici requisiti necessari sono TPM 1.2 abilitato, 64 GB di spazio di archiviazione minimo, 4 GB di RAM e una CPU dual-core.

28 GIUGNO 2021 | Microsoft ha pubblicato un post in cui ha evidenziato le scelte dietro i nuovi requisiti minimi, la possibilità che questi cambino sulla base dei feedback degli Insider e la decisione di rimuovere temporaneamente Controllo integrità PC – l’app tornerà più avanti, man mano che ci si avvicinerà al lancio di Windows 11. Abbiamo aggiornato il nostro articolo integrando l’aggiornamento dei requisiti.

Requisiti hardware necessari per Windows 11

Windows 11 ha delle nuove specifiche minime, cambiate rispetto a quelle richieste da Windows 10. Se il vostro dispositivo esegue Windows 10, potete controllare la compatibilità con Windows 11 con la nuova app Controllo integrità del PC, che potete scaricare dal link in fondo all’articolo. A seguire trovate l’elenco delle specifiche tecniche minime richieste per eseguire Windows 11:

  • Processore: Almeno 1 GHz con 2 o più core su processore a 64 bit compatibile o SoC.
  • RAM: 4 GB.
  • Spazio di archiviazione: Disco da almeno 64 GB.
  • Firmware del sistema: Compatibile con UEFI, Avvio protetto.
  • TPM: Trusted Platform Module 2.0.
  • Scheda video: Compatibile con DirectX 12+ o versione successiva con driver WDDM 2.0.
  • Schermo: Schermo ad alta definizione (720p) con una diagonale maggiore di 9 pollici, 8 bit per canale di colore.
  • Connessione Internet e MS Account – Windows 11 Home richiede la connettività Internet e un account Microsoft per completare la configurazione del dispositivo al primo utilizzo.
    Anche per uscire da Windows 11 Home in modalità S è necessaria la connettività Internet.
    L’accesso a Internet è necessario per tutte le edizioni di Windows 11, per l’esecuzione degli aggiornamenti, il download e l’utilizzo di alcune funzionalità.

NOTA | Nei requisiti Windows 11 richiede l’abilitazione del modulo TPM, che può essere disabilitato di default nel BIOS o nel UEFI. Pertanto, sui PC che lo supportano può essere abilitato manualmente e ottenere i requisiti necessari per installare Windows 11. L’altro parametro da rispettare è la lista dei processori compatibili che vede un taglio di quelli precedenti all’ottava generazione.

Microsoft ha specificato che il cambio drastico delle specifiche tecniche richieste per Windows 11 è stato guidato dai seguenti principi:

  1. Windows 11 alza l’asticella della sicurezza richiedendo un hardware che può abilitare protezioni come Windows Hello, Crittografia del dispositivo, sicurezza basata sulla virtualizzazione (VBS), integrità del codice protetta da hypervisor (HVCI) e Secure Boot. La combinazione di queste caratteristiche ha dimostrato di ridurre il malware del 60 % sui dispositivi testati. Per soddisfare il principio, tutte le CPU supportate da Windows 11 hanno un TPM incorporato, supportano l’avvio sicuro e supportano VBS e capacità VBS specifiche.
  2. I dispositivi aggiornati a Windows 11 saranno in uno stato supportato e affidabile. Scegliendo le CPU che hanno adottato il nuovo modello di driver di Windows e sono supportate dai nostri partner OEM e di silicio che stanno ottenendo un 99,8 % di esperienza senza crash.
  3. Compatibilità. Windows 11 è progettato per essere compatibile con le app che usi. Richiede come minimo processori ad almeno 1GHz, dual-core, 4 GB di memoria RAM e 64 GB di memoria di archiviazione, allineandosi con i requisiti minimi di sistema per Office e Microsoft Teams.

Sulla base di questi principi, Microsoft è convinta che la base necessaria siano i processori Intel di 8a generazione, AMD Zen 2 e Qualcomm Series 7 e 8. L’azienda analizzerà, anche grazie ai Windows Insider, come rispondono i dispositivi che hanno CPU Intel di settima generazione e AMD Zen 1.

Inoltre, nell’ambito degli utenti Windows Insider, Microsoft ha rilasciato la Build 22000.51 sul canale Dev rispettando i requisiti minimi sopra elencati – fatta eccezione per la presenza del TPM 2.0 e del modello di CPU. In questo modo l’azienda potrà analizzare come si comporta Windows 11 sulle varie CPU, con la possibilità di rivedere i requisiti minimi in futuro.

Funzionalità obsolete e rimosse da Windows 11

  • Cortana non sarà più incluso al primo avvio né aggiunto alla barra delle applicazioni.
  • Lo sfondo del desktop non può essere trasferito al/dal dispositivo quando si accede con un account Microsoft.
  • Internet Explorer è disattivato. Microsoft Edge è il browser sostitutivo consigliato e include la modalità IE, che può essere utile in alcuni scenari.
  • Pannello input penna espressioni matematiche viene rimosso. Su richiesta, verrà installato Math Recognizer che include lo strumento di riconoscimento e il controllo input penna espressioni matematiche. L’input penna di espressioni matematiche in app come OneNote non subisce modifiche.
  • Notizie e interessi nella barra delle applicazioni viene rimosso. Al suo posto è possibile utilizzare le funzionalità di Widget.
  • Stato breve nella schermata di blocco e le impostazioni associate vengono rimossi.
  • Ora la modalità S è disponibile solo per Windows 11 Home.
  • Riunione immediata di Skype è sostituito da Chat.
  • Lo Strumento di cattura continua a essere disponibile ma il design e il funzionamento della versione per Windows 10 sono stati sostituiti con quelli dell’app chiamata precedentemente Cattura e note.
  • Start è notevolmente cambiato in Windows 11 e sono stati rimossi i seguenti elementi:
    • Le cartelle di app e i gruppi denominati non sono più supportati e il layout non è ridimensionabile.
    • Le app e i siti che sono stati aggiunti non verranno trasferiti nell’aggiornamento da Windows 10.
    • I riquadri animati non sono più disponibili. Per contenuti rapidi e dinamici, vedi la nuova funzionalità Widget.
  • La modalità tablet viene rimossa; sono incluse nuove funzionalità per le operazioni di collegamento e rimozione della tastiera.
  • Barra delle applicazioni ha subito alcuni cambiamenti, fra cui:
    • Contatti non è più presente sulla barra delle applicazioni.
    • Alcune icone potrebbero non apparire più nell’area di notifica (systray) di dispositivi aggiornati, incluse le personalizzazioni precedenti.
    • L’unica posizione consentita è l’allineamento nella parte inferiore dello schermo.
    • Non è più possibile personalizzare aree della barra delle applicazioni con le app.
  • Sequenza temporale viene rimosso. Alcune funzionalità simili sono disponibili in Microsoft Edge.
  • La tastiera virtuale non ancorerà/disancorerà più i layout di tastiera sugli schermi da almeno 18 pollici.
  • Portafoglio viene rimosso.

Le seguenti app non verranno rimosse con l’aggiornamento ma non verranno più installate sui nuovi dispositivi o in caso di installazione pulita di Windows 11. Restano disponibili per il download dal Microsoft Store:

Il vostro PC soddisfa i requisiti minimi per eseguire Windows 11 o ne acquisterete uno nuovo? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto.

Articolo di Windows Blog Italia
Fonte | Microsoft

Controllo integrità del PC | Scarica su Windows 10